Diario

Istanbul

Istanbul è una città mediorientale, no è europea, anche asiatica, moderna con una delle più antiche radici islamiche ….Lo sapevate che Istanbul è la più grande città d’Europa per numero di abitanti? Intendo due volte Londra e più di Mosca e se vogliamo guardar lontano è anche il doppio di New York! Dall’aereo fa paura la sua estensione, si perdono i confini seppure l’urbe sia ben definito. Se non ché i suoi abitanti crescono di qualche centinaia di migliaia ogni anno: sui 16 milioni ufficiali dagli ultimi censimenti. Si, Istanbul è tutto un po’, mescolata come un mazzo di carte con dentro Parigi, Cairo, Atene  e potrei proseguire. Lo stile Liberty del centro storico si confonde con l’arte tradizionale Islamica, un tessuto urbano pulito che ci conduce alle sue bellezze percorrendo le viuzze piene di negozi: dai ristoranti alle delizie di pasticceria locale per niente light J…Sono passati così i pochi giorni in giro per la megalopoli turca tra visite alla Basilica di Santa Sofia e le maestose Moschee di Sultanahmet (La Moschea Blu) e di Solimano, passando per il Palazzo imperiale di Topkapi e il suo museo: ci sono esposti il Diamante del Fabbricante di Cucchiai (in turco Kasikçi Elmasi), un diamante del peso di 86 carati che sembra essere il quinto più grande al mondo, poi la bacchetta del Profeta Mosè e alcune reliquie del Profeta Maometto, nonché la spada del Profeta Davide….mica ciccia!! Dall’altra parte del Corno d’Oro ci sono la Torre di Galata, Piazza Taksim e il movimentato quartiere Beyoglu, dove la sua impreziosita via Istiklal Caddesi è visitata da tre milioni di persone al giorno. Quest’ultima è la zona ricca della città dove la sera i vicoletti vengono animati da un numero indecifrato  di locali con tavolinetti su strada e tanto di band che suonano dal vivo. Ma quanta strada abbiamo fatto tutto il giorno? Tanta e parecchia a piedi, perché mica ci possiamo perdere i baracchini del cibo e i pescatori sul ponte! Ed è bello così, gambe rotte la sera, ma girare a piedi il centro di Istanbul è l’ideale, se amate fare foto poi ogni scorcio è buono per farne una cornice. Toh al massimo si va qualche volta di Tram, cosi utile per unire le due parti della città, così pittoresco e panoramico attraversando il ponte di Galata. Fine Ottobre, una felpa di giorno e una giacca la sera, clima davvero gradevole insieme al fatto che essendo periodo di bassa stagione le code alle biglietterie sono ridotte a pochi minuti. Eppure ci sono turisti da tutto il mondo, asiatici specialmente, quelli non mancano mai. Pochi italiani ma buoni, forse spaventati dal clima politico che vi assicuro non si sente affatto. Che giornate! Ubriachi di spremute di melograno, un tramonto con vista sui minareti poi dove si va? A nanna si va, mica vado a batterie! Dai un giretto in tutta stanchezza nel quartiere di Beyoglu col mio compagno di viaggio si è fatto….ma breve, just a look!

Alessio Spinaci – Travel Planner

No comments

You can be the first one to leave a comment.

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.